12/2 LIVE @ NOF

THURSDAY 12 FEBRUARY COSMIC SUMO RECORDING IN ORGANIC LIVE PERFORMANCES @ NOF

Abbiamo programmato pattern ritmici inusuali in tempo reale, abbiamo costruito ogni suono partendo dalla forma d’onda cruda e l’abbiamo passata attraverso modulazioni, filtri ed inviluppi. abbiamo campionato rumori di fondo e li abbiamo distrutti e ricreati con samplers Abbiamo usato la modulazione di frequenza per generare percussioni metalliche Abbiamo offerto le nostre sorgenti sonore in sacrificio ai nostri LFO. il risultato è nostro, il suono è originale e unico. La musica che sentirete non è ripetibile e il ritmo non farà prigionieri.


AR STUDIO ADVERTISING

CARTOLINA ARSTUDIO2_Pagina_1

 

AR STUDIO:

GRAFICA | DESIGN / ARTE CONTEMPORANEA / WEB SEO / FOTOGRAFIA | VIDEO / ADV CAMPAIGNS / CONCEPT DESIGN / ARCHITETTURA / INTERIOR DESIGN / ARREDAMENTO ACUSTICO / INSONORIZZAZIONI


Cosmic Sumo Show Case

Abbiamo programmato pattern ritmici inusuali in tempo reale, abbiamo costruito ogni suono partendo dalla forma d’onda cruda e l’abbiamo passata attraverso modulazioni, filtri ed inviluppi. abbiamo campionato rumori di fondo e li abbiamo distrutti e ricreati con samplers Abbiamo usato la modulazione di frequenza per generare percussioni metalliche Abbiamo offerto le nostre sorgenti sonore in sacrificio ai nostri LFO. il risultato è nostro, il suono è originale e unico. La musica che sentirete non è ripetibile e il ritmo non farà prigionieri.


PONZ – SUBSTRATES

 

Vado al cinema a sentire Ponz, Lorenzo Senni e Ninos Du Brasil“. Avete capito bene e no, non sono diventati magicamente degli attori, sul palco saliranno per suonare, come già successo con Francesco Tristano, Andy Stott e Vaghe Stelle. Aggiungete pure che il cinema in questione è l’Odeon di Firenze, storico edificio in Piazza Strozzi, e la trama è stata svelata: stiamo parlando di Lattex+, una delle realtà di clubbing nostrane più interessanti e all’avanguardia, che per l’occasione si sposta a teatro, presentando al pubblico “Substrates”, il nuovo album di Ponz (via Sumo Productions), accompagnato dai live di Lorenzo Senni e Ninos Du Brasil.

Detto questo, per ogni “film” che si rispetti, c’è bisogno di un trailer, così abbiamo deciso di presentarvi in anteprima il video del primo singolo di Ponz, “The Spellbound Child“, realizzato dall’animatore e video-maker David Biagioni con tecniche di animation CG e Timelapse. Il video racconta la deriva metropolitana, una sorta di percorso ipnotico, in cui il suono prende per mano le immagini, accompagnandole verso nuovi orizzonti, fatti di cieli, palazzi, binari e rotaie.

Ma non finisce qui, noi “Substrates” lo abbiamo ascoltato e ne abbiamo parlato con Francesco Pontillo, in arte Ponz. Il musicista fiorentino, dopo l’esperienza di “Lazarus”, torna con un nuovo LP e inaugura così il 2015 della Sumo Productions, la storica etichetta di Andrea Rucci. A chi sarà presente il 30 gennaio vorremmo dire solo una cosa: allacciate le cinture. Siamo impazziti? No, abbiamo semplicemente viaggiato.Un viaggio attraverso periferie e luoghi abbandonati, toni scuri e suoni post industriali, un percorso introspettivo fatto di otto tracce che non impone soluzioni di ascolto. Anzi, è come se ci fosse un patto non scritto, dove ci si abbandona completamente e ci si lascia accompagnare dalle emozioni e dai sentimenti dell’artista, evocando così nuove sensazioni in chi ascolta. Buon viaggio!

 

Partiamo dall’inizio: metà anni 2000, comincia il tuo percorso come dj con il duo Uaui&Ponz. Come ti sei avvicinato a questa musica? Quali sono le tue influenze?

Entrambi venivamo da background musicali diversi, ma eravamo mossi dal sentimento comune di andare oltre alle logiche standardizzate che spesso caratterizzano i movimenti musicali e sociali. Frequentavamo dal rave al club house, cercando di portare elementi non convenzionali in ogni situazione. Questo non ci rendeva etichettabili, ma favoriva un’apertura mentale e sociale della gente che ci seguiva, che magari si avvicinava a situazioni per loro inconsuete. Con questo processo mi sono avvicinato precedentemente io a questo mondo, esplorando contesti atipici per me fino a quel momento. Le influenze musicali sono tantissime e molto diverse tra loro… non riuscirei ad essere esauriente citando qualcosa. Ci sono tanti elementi per me significativi che risalgono anche all’infanzia che sicuramente determinano ancora oggi quello che mi emoziona e mi ispira.

Fino a diventare il resident di Lattex Plus, a mio avviso uno dei progetti di clubbing d’avanguardia più interessanti degli ultimi anni.

Penso che in questo settore, l’obbiettivo ma anche la difficoltà sia trasmettere un prodotto credibile che abbia una costante ricerca ed evoluzione musicale. Che non sia né troppo difficile per essere compreso, né troppo facile e quindi effimero. Questo progetto ci riesce a mio avviso, soprattutto perché non propone il nome mainstream con logiche meramente commerciali, ma nemmeno il falso guest. Viene preferita la sostanza, anziché l’involucro.

Venerdì 30 gennaio presenterai il tuo nuovo album “Substrates”, in occasione di Lattex+ on Theater. Tra l’altro di recente ho assistito a un live+djset al cinema e ti assicuro che è stato veramente interessante. Scommetto che tu non stia più nella pelle.

L’ambientazione è senza dubbio suggestiva, che favorisce un ascolto attento e sensibile. Il fatto che questo evento venga proposto in un contesto insolito rappresenta uno spunto interessante per poter apprezzare un certo tipo di musica da una prospettiva diversa. Per me rappresenta un grande stimolo ma allo stesso tempo anche una responsabilità significativa.

L’LP uscirà via Sumo Productions, storica etichetta fiorentina. Cosa ti aspetti dall’uscita di questo album?

Il fondatore dell’etichetta Andrea Rucci fu il primo anni fa a darmi la possibilità di esprimermi nella produzione. Dopo qualche anno di pausa, il nuovo corso dell’etichetta verrà inaugurato con l’uscita del mio primo album, che è venuto fuori senza che mi fossi prefissato obbiettivi o schemi predefiniti. Non voglio arrivare da qualche parte, ho provato a tradurre in una realtà credibile quello che avevo in testa e se la gente lo recepisce, mi basta per sentirmi appagato.

L’ho ascoltato per la prima volta in treno e ho guardato tutto il tempo fuori dal finestrino, quasi ipnotizzato. Possiamo definirlo una sorta di viaggio?

Beh definirlo così è un bel complimento. Considerando che quello che più mi coinvolge musicalmente sono i lunghi viaggi mentali, favoriti dalla ciclicità di suoni ipnotici e da melodie evocative, suscitare in qualcuno queste sensazioni con qualcosa da me prodotto è sicuramente il riscontro migliore che potrei avere da questo progetto. La traccia del video non è stata volutamente accorciata per assecondare questo processo.

Che poi stavo andando a Bologna, c’erano le stesse rotaie del video di “The Spellbound Child”, girato da David Biagioni. Com’è nata questa collaborazione?

Mi piaceva l’idea di dare un’interpretazione visiva alla traccia, unire quindi le sue caratteristiche grafiche a quello che avevo concepito musicalmente e vedere cosa sarebbe potuto venir fuori. Sono sempre stato affascinato da contesti urbani raffiguranti fabbriche abbandonate o capannoni industriali, e lui ha utilizzato tecniche di animazione su riprese video di questo tipo che ci sembravano molto indicate per questo progetto. Soggetti ed immagini che solitamente non attirano l’attenzione di molti, ma che invece sono in grado di incantare uno sguardo diverso.

A proposito di collaborazioni, con chi ti piacerebbe poter lavorare un giorno?

In questo sono abbastanza realista. L’obbiettivo costante è quello di riuscire a lavorare con persone che condividano e comprendano le mie idee e viceversa. Mi piace chi è visionario e sa guardare oltre, chi ha idee non ordinarie, ma che riesce a dargli una forma attendibile nella realtà, che rappresenta l’aspetto più difficile. Questo è quello a cui aspiro io stesso

http://www.soundwall.it/?s=ponz

https://www.facebook.com/SumoProductionsItalia


SATURDAY PARTY

 

NICE PARTY BEFORE CHRISTMAS_

VILLA POGGIO SAN FELICE//FIRENZE

ANDREA RUCCI AND THE SANTA CLAUS ORCHESTRA FOR AN INTENSIVE NIGHT IN DISCORETò STYLE

http://www.mixcloud.com/SumoProductions/discoretrò/

https://www.facebook.com/events/1554481494769232/?pnref=story


WEDNESDAY TENSION

1487326_10205139466947268_3932248811219730448_n

COSMIC SUMO RECORDINGS
ORGANIC LIVE PERFORMANCE

__________________________________
▼ TULIOXI :
Roland Sequencers, Poly Synth, E Drums
___________________________________
▼ ANDREA RUCCI :
Loops, Noizes, Controllers, Laptop sequences.

Dal 2012 Tulioxi e Andrea Rucci gestiscono con grande attenzione Cosmic Sumo Recordings, una delle più interessanti realtà italiane nel genere indie dance.
Totalmente devoto alle sonorità grasse e spaziali dei vecchi synth analogici e delle drum machines vintage, il catalogo della loro etichetta è un esempio molto puntuale di quella che è la Cosmic Dance Music e del suo collegamento con i suoni e le atmosfere degli anni 70\80: dalle colonne sonore di Carpenter, alle sequenze di basso in stile Moroder, allo space Funk fino ad arrivare al Krautrock e Kosmische Musik


SATURDAY 8/11/2014 DISCORETRò – MUG

MUG

SATURDAY 8/11/2014 MUG – FIRENZE

DISCORETRò IS AN ANDREA RUCCI LIVE DJSET BASED ON DISCO, HOUSE, CLASSICS  AND SOUL REVISITED IN NU DISCO ATMOSMPHERE.MUSIC AND  RHYTMICAL DRINKS FOR A PLESURE SATURDAY NIGHT  FROM 22.30 TILL 2.30

 


cosmic sumo live @ lattex 7/11/14

LATTEX

LATTEX // FRIDAY 07/11/2014 TABASCO – FIRENZE

Venerdì sarà in programma il Live Set di TULIOXI e Andrea Rucci.
Totalmente devota alle sonorità grasse e spaziali dei vecchi synth analogici e delle drum machines vintage, il suo catalogo è un esempio molto puntuale di quella che è la Cosmic Dance Music e del suo collegamento con i suoni e le atmosfere degli anni 70\80: dalle colonne sonore di Carpenter, alle sequenze di basso in stile ‪#‎Moroder‬, allo space Funk fino ad arrivare al Krautrock e Kosmische Musik.
Rucci e Tulioxi eseguiranno un live set basato sulle musiche e sui dischi che hanno realizzato negli ultimi anni, arrangiando tutto il materiale in modo da poter essere suonato dal vivo con sequencers, synth e batterie elettroniche. DA NON PERDERE!!

 

 


DISCO RETRO LIVEDJ SET

mixcloud2


FRIDAY 31.10.2014 MUG

MUG-06

 

Friday 31.11.2014 Cosmic Sumo Rec in a nice new caffe located in Florence.

Just for this 1st  appointment Andrea Rucci will try to send everything to the beat put the drinks on the go and will sway yours ass.

Soon a fixture in the lives of the label appointment…


SATURDAY IN DISCO

10641080_367341156755891_8344377076282879498_n

 

Venerdì 17 ottobre 2014
STUDIO 54 ◉ INAUGURAZIONE KAREMBO
Loc. Terrarossa – Porto Ercole (Gr)

* * * * *

PER QUESTA MAGICA OPENING NIGHT SI CELEBRERANNO GLI ANNI ’70, LA DISCO MUSIC E IL SUO LOCALE CULT, LO STUDIO 54.

Lo Studio 54 è stata una discoteca di New York situata al numero 254 ovest della 54a Strada a Manhattan, tra la Settima e l’Ottava Avenue, aperta tra il 1977 ed il 1986. Il club era allestito all’interno di un teatro che fino al decennio prima fungeva da studio televisivo (da cui il nome).
Caratteristica principale del locale erano le provocazioni al costume e la stravaganza delle serate proposte. L’intento dei direttori artistici del locale (Steve Rubell e Ian Schrager) era infatti quello di garantire ogni sera: «la festa più grande del mondo», nonché quello di scioccare con gli eccessi la città di New York: la musica riprodotta ad alto volume, le scenografie allusive (emblematica era la falce di luna imboccata dal cucchiaino contenente cocaina), le serate che ogni sabato prevedevano una sorpresa o un nuovo eccesso. Al culmine di ogni serata appariva dall’alto l’Uomo sulla Luna, che scendeva tra il pubblico ed offriva ai presenti lo scintillante contenuto di un cucchiaino d’argento.
Lo Studio 54 era un luogo dove le etichette sociali non contavano più nulla, ma dove tutti potevano essere protagonisti. Il pubblico sentiva parlare di scene orgiastiche e di favolosi megaparty a tema. Lo Studio 54 fu anche la prima discoteca ad adottare sistematicamente la selezione all’ingresso. Quello che avveniva al suo interno era riportato immancabilmente dai giornali. Le foto di personaggi famosi apparivano sui giornali unicamente per il fatto di aver passato la notte al 54. Fece epoca la foto di Bianca Jagger che entrava in pista a dorso di un cavallo bianco; il videoclip del singolo New York City Boy dei Pet Shop Boys venne girato in parte nel locale e in un frammento del video si vede la scena del cavallo bianco entrare. (AGM)
E allora members cosa aspettate, tuffatevi per una notte nello STUDIO 54 del Karèmbo Club!!!

* * * * *
Guest Dj: ANDREA RUCCI
Cosmic Sumo Recordings / Sumo Productions

* * * * *


TENSION @ NOF 15/10/2014

10645120_10204610707968624_6431850775248651757_n

Tension si sbatte e suda cercando musica ovunque, in tutti gli anfratti, in tutte le cantine.
Nel buio grasso ed indigesto della città dei ristoranti, Tension cammina leggero con una solo piano in mente:Trovare i migliori live set di Musica Elettronica. Gente che suona tasti, che percuote pads, che gira potenziometri, che cerca timbri impossibili.
Vogliamo che questi artisti salgano sul nostro palco e ci offrano una performance unica ed irripetibile.

Si comincia con Koolmorf Widesen, Leonardo Barbadoro, uno dei migliori produttori underground di musica elettronica in Italia. Uno che ha suonato in tutta Europa ma ovviamente non a Firenze, visto che siamo degli idioti, visto che non sappiamo quanto fertile sia il terreno musicale nella nostra città, visto che se non c’è la Guest super pagata non alziamo il culo dal solito bar. Non sembra una cattiva idea quella di scoprire un po’ dei talenti che abbiamo a Fi. Leonardo\koolmorf è secondo noi un ottimo modo per dare un bel calcione nei denti al vostro interminabile aperitivo e constringervi a scoprire qualcosa in nuovo.

Discografia:
2007: “Koolmorf Widesen” (S/t, ECG)
2008: “Melodies Fork Now Promo” (Anoise Rec.)
2009: “Melodies Fork Now” (Eves)
2010: “Stun e Day” (Phaked)
2014: “JX-EP” (Wil-Ru Rec.)

Per partecipare a Tension:
Promos\info\booking
Cosmicsumorec@sumoproductions.it

links:
https://soundcloud.com/koolmorf


LIVE @ OFF BAR

volume-31.5

LIVE @ OFF BAR

COSMIC SUMO REC LIVE

LAGHETTO DEI CIGNI | FORTEZZA DA BASSO | FIRENZE

 


SATURDAY LIVE @ VOLUME

volume 31.5-03

 

SATURDAY 31. 5. 2014

VOLUME P.ZZA SS SPIRITO FIRENZE_COSMIC SUMO REC

ANDREA RUCCI_ le sue produzioni,

un’occasione unica per sentire live le sue cose più dispa|erate…

EVERYTHING IS GOING TO THE BEAT!

 


Andrea Rucci-Feel the groove SPCSR012

 

ANDREA RUCCI // FEEL THE COSMIC GROOVE

Andrea Rucci is the boss of Cosmic Sumo Recordings and he’s always been very careful when decide to release some of his music production… This time he has decided to push the pedal on his main roots…Rucci was the resident dj in the most important underground club in Florence, he has destroyed many turntables helping to set up the basis for the italian club scene of the nineties, this Release could have been released exactly during those days of free music exploration.
“Feel the cosmic groove” is not just the title of the Ep but above all is an hot wet and fat request to the people of electronic music. These tracks ask you to be danced.

PREVIEW FOR THE NEXT RELEASE

RUCCI-VIDEO

 

ANDREA RUCCI // FEEL THE COSMIC GROOVE
COSMIC SUMO RECORDINGS
SPCSR012
TRACK A_ FEEL THE COSMIC GROOVE
TRACK B_ FEEL THE ACID GROOVE
BONUS TRACK_ PUMP THE ACID GROOVE


3.5.2014 live @ volume

35

 

SATURDAY 3. 5. 2014

VOLUME P.ZZA SS SPIRITO FIRENZE_COSMIC SUMO REC

ANDREA RUCCI_ loops & noizes

TULIOXI_roland mc 909

Abbiamo programmato pattern ritmici inusuali in tempo reale, abbiamo costruito ogni suono partendo dalla forma d’onda cruda e l’abbiamo passata attraverso modulazioni, filtri ed inviluppi. abbiamo campionato rumori di fondo e li abbiamo distrutti e ricreati con samplers Abbiamo usato la modulazione di frequenza per generare percussioni metalliche Abbiamo offerto le nostre sorgenti sonore in sacrificio ai nostri LFO. il risultato è nostro, il suono è originale e unico. La musica che sentirete non è ripetibile e il ritmo non farà prigionieri.


The modern hand of the devil @ NotteBianca _ 30. 4. 2014

1148891_10203486147463262_545487692_n

The modern hand of the devil
Wednesday, April 30
at the white night

via faenza _ FIRENZE


VOLUME LIVE APRIL

10154516_10203548009649778_1519958532_n

 

VOLUME APRIL LIVE SET

VOLUME P.ZZA SS SPIRITO FIRENZE_COSMIC SUMO REC

ANDREA RUCCI_ loops & noizes

TULIOXI_roland mc 909


COMING SOON SPCSR012_ANDREA RUCCI

SPCSR012

 

NEW RELEASE COSMIC SUMO RECORDING

COMING SOON_ DIRECTLY FROM 1988…